Le meraviglie di chi? Ma di Chie Mihara!

Sapete chi è Chie Mihara? No?
Sinceramente non lo sapevo nemmeno io fino a due giorni fa, quando me ne ha parlato – con molto entusiasmo – la mia amica Elena
.
Chie Mihara è la designer delle scarpe omonime. Come mai non vi vedo sorprese? ;)

Ma prima di presentarvi i suoi modelli, un accenno curioso sulla vita di Chie:
i suoi genitori sono giapponesi, lei è nata e cresciuta in Brasile. Ha studiato design in Giappone e iniziato a lavorare a New York nell’azienda Eneslow, conosciuta per ottime scarpe per la salute del piede.
Infine si è trasferita in Spagna, dove ha disegnato scarpe per il brand di lusso francese Charles Jourdan.
Da queste esperienze -personali e professionali- nel 2001 l’ultra-cosmopolita Chie crea una propria collezione di scarpe con il marchio Chie Mihara.

Per quanto riguarda le sue collezioni (che hanno un gusto un po’ retrò), la mia amica sostiene che si tratti di scarpe fa-vo-lo-se: un connubio di design, originalità e -udite, udite- comodità. :-/
Curiosando (come mio solito) sulle caratteristiche del brand, ho capito anche il motivo della tanto dichiarata comodità: le Chie Mihara sembrano fatte di pelle morbidissima di alta qualità, le suole in cuoio di molti modelli hanno uno strato in gomma antiscivolo e i tacchi delle scarpe plateau sono compensati da un plantare interno di 2 cm.
Un particolare non di poco conto? Tutta questa qualità ha naturalmente il suo prezzo.

Su Sarenza ho trovato diversi modelli Chie Mihara e ogni modello è davvero originale. Per fortuna che attualmente la mia carta di credito è in una clinica di disintossicazione ;)
Intanto però ho preso nota di alcuni modelli. Non si sa mai, magari lo spread mi farà un regalo… Anche se credo sia più sicuro fare affidamento su babbo natale ;)

scarpe-plateau-donnascarpe-con-plateauscarpe-plateaumihara

 

Articolo in collaborazione con www.sarenza.it

Related Posts with Thumbnails

About Joja

Appassionata di web, shopping online, viaggi, cinema e fotografia

Lascia una risposta

Please use your real name instead of you company name or keyword spam.