1966, un garage in California. Un uomo fonde una suola di gomma con un pezzo di tela, è la nascita della suola vulcanizzata con lo storico disegno waffel.
Stile di vita, cult, moda – le Vans ne hanno da vendere.
Negli anni ‘60 il marchio -ancora sconosciuto- ‘vestiva’ i prigionieri di vari carceri, era il famoso (quanto esclusivo, aggiungerei) Prison Issue 23, le chiusure in velcro erano preferite per motivi di sicurezza alle stringhe.


Qualche anno dopo ritroviamo le Vans come simbolo di libertà ai piedi dei più famisi skater internazionali: la stabilità e la suola antiscivolo garantiscono equilibrio ed aderenza. Ultimamente il marchio ha conquistato anche il mondo della musica, le hanno indossate i Social Distortion, Slayer, i Bad Religion e i Pennywise.
Su Spartoo ci sono tanti modelli: da skate (naturalmente), da running alte e basse, ballerine e infradito.
Io voto per le running basse :)


Se volete iscrivervi allo Spazio Privilegio, riceverete un assegno regalo del valore di 10 euro da spendere sul sito! :ok:

Articolo in collaborazione con Spartoo.it

Condividi questo articolo

4 Comments on Vans, cult, storia, scarpe

  1. @arianna tutto bene, si avvicina il weekend! :) Io adoro le sneakers, sono l’invenzione del secolo per chi fa fatica a camminare sui tacchi come me! ;)

  2. Sono anni che porto lo stesso paio di Vans. Ormai ci sono affezionata, anche se vecchissime. :)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *