La nuova classifica Greenpeace delle aziende verdi

Già dal 2006 Greenpeace stila una guida per l’elettronica pulita con una classifica delle aziende più e meno inquinanti.
La classifica comprende le 18 aziende più grandi nei settori dei personal computer, telefonia mobile, tv e consolle giochi e le cataloga, valutando le politiche ambientali sull’uso di materiali inquinanti e l’attività di recycling.
In breve il risultato:
mentre ormai quasi tutti i prodotti della Apple, Nokia e Sony Ericsson sono realizzati senza l’uso di prodotti chimici pericolosi, deludono ancora una volta Dell, Lenovo, LG e Samsung. Nintendo, come l’anno scorso, occupa l’ultima posizione. :out: Microsoft è sceso nella classifica è occupa ora l’imbarazzante penultimo posto.

I tre vincitori avevano annunciato l’anno scorso la liberazione dei propri prodotti da PVC e BFR e hanno mantenuto la parola data. :ok:  HP non è ancora in vetta, ma dovrebbe presentare nel 2010 un PC e Notebook, costruito senza materiali tossici :pregare:. La situazione è diversa per Dell, Lenovo, LG e Samsung: qui l’amore verso l’ambiente è rimasto solo un impegno di marketing :gr: . Non hanno migliorato per niente la loro situazione, dunque sono giustamente caduti in fondo alla classifica.
Greenpeace però si mostra quest’anno più ottimista del solit
o:
nel 2010 dovrebbero essere lanciati molti modelli di PC e Tv fatti senza prodotti chimici pericolosi. Per ora, non ci resta che sperare e preferire prodotti che ci diano più garanzie. È l’unica cosa che ci possiamo concretamente impegnare a fare, dunque occhio! ;)
Ho riscritto la classifica con le posizioni delle aziende. I numeri fra parentesi si riferiscono alla posizione dell’anno scorso.
Per approfondire ecco il link all’articolo di Greenpeace.


Related Posts with Thumbnails

About Joja

Appassionata di web, shopping online, viaggi, cinema e fotografia

One Response to La nuova classifica Greenpeace delle aziende verdi

  1. RasoioD'Ockham says:

    Bell’articoletto, davvero, brava.

Lascia un commento

Please use your real name instead of you company name or keyword spam.